I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni

CERTIFICAZIONI E DISPOSIZIONI NORMATIVE

CERTIFICAZIONI E DISPOSIZIONI NORMATIVE

Gli interventi su corda fanno riferimento a precise normative che ne sanciscono l’obbligatorietà e ne stabiliscono le normative. Di seguito vengono riportate le più importanti leggi del settore e le certificazioni che è necessario possedere per eseguire questo tipo di interventi.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

UNI 8088:1980 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri per la sicurezza. Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti e dei mezzi necessari e fornisce indicazioni di comportamento finalizzate alla prevenzione degli infortuni nei lavori di posa in opera, manutenzione e rimozione dei manti di copertura, nonché il transito eccezionale su di essi per scopi diversi.

UNI EN 341:1993 e 341:1993/A1 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Dispositivi di discesa. Nella norma sono specificati i requisiti, i metodi di prova, la marcatura e le istruzioni per l'utilizzo dei dispositivi di discesa che devono essere utilizzati congiuntamente ai dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto.

UNI EN 353-1:2003 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Dispositivi di caduta di tipo guidato comprendenti una linea di ancoraggio rigida. Nella norma sono specificati i requisiti, i metodi di prova , la marcatura, le informazioni che devono essere fornite dal fabbricante e le modalità di imballaggio per i dispositivi anticaduta di tipo guidato comprendenti una linea di ancoraggio rigida, generalmente fissati o integrati su scale fisse o a pioli che vengono rese solidali ad idonee strutture.

UNI EN 354:2003 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Cordini. Nella norma sono specificati i requisiti, i metodi di prova, la marcatura e le istruzioni per l'utilizzo, la marcatura e le modalità di imballaggio per i cordini di tipo fisso e regolabile.

UNI EN 355:2003 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Assorbitori di energia. Nella norma sono specificati i requisiti, i metodi di prova, la marcatura e le istruzioni per l'utilizzo, la marcatura e le modalità di imballaggio per gli assorbitori di energia.

UNI EN 360:2003 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Dispositivi anticaduta di tipo retrattile. Nella norma sono specificati i requisiti, i metodi di prova, la marcatura e le istruzioni per l'utilizzo, la marcatura e le modalità di imballaggio per i dispositivi anticaduta di tipo retrattile.

UNI EN 361:2003 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Imbracature per il corpo. Nella norma sono specificati i requisiti, i metodi di prova, la marcatura e le istruzioni per l'utilizzo, la marcatura e le modalità di imballaggio per le imbracature per il corpo.

UNI EN 362:1993 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Connettori. Nella norma sono specificati i requisiti, i metodi di prova, la marcatura e le istruzioni per l'utilizzo, la marcatura per i connettori.

UNI EN 363:2003 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Sistemi di arresto caduta. Nella norma sono specificati la terminologia e i requisiti generali per i sistemi di arresto della caduta che servono da DPI.

UNI EN 364:1993 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Metodi di prova. Nella norma sono specificati i metodi di prova per i materiali, i componenti e i sistemi relativi ai dispositivi di protezione anticaduta. In particolare sono indicate:

  • le apparecchiature da utilizzare per le prove statiche e i relativi metodi;
  • le apparecchiature per le prove dinamiche , torso di prova compreso;
  • i metodi per le prove di prestazione dinamica e di resistenza dinamica sia dei componenti che dei sistemi;
  • le prove di corrosione per i componenti metallici;
  • le apparecchiature che si devono utilizzare e i metodi per le prove di condizionamento e per le prove di durata.
  • Nella norma sono inoltre presenti le raccomandazioni per la programmazione delle prove.

UNI EN 365:1993 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Requisiti generali per le istruzioni per l'uso e la marcatura. Nella norma sono specificati i requisiti generali per la predisposizione delle istruzioni per l'uso e per la marcatura dei dispositivi di protezione contro le cadute dall'alto.

UNI EN 795:2002 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall'alto: Dispositivi di ancoraggio. Nella norma sono specificati i requisiti, i metodi di prova e le istruzioni per l'utilizzo e la marcatura di dispositivi di ancoraggio progettati esclusivamente per l'uso con DPI contro le cadute dall'alto.

UNI ISO 8793:1992 Funi di acciaio: Estremità con manicotti. Nella norma sono fissati i requisiti minimi cui devono rispondere le estremità dei manicotti su funi di acciaio. Sono anche individuate le prove di accettazione del prototipo e le prove di routine da applicare nel controllo di qualità.

EN795/02: Norma contenente i requisiti, i metodi di prova, le istruzioni per l’uso e la marcatura di dispositivi di ancoraggio progettati esclusivamente per l’uso con dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto.

Classe A1ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a superfici verticali, orizzontali ed inclinate (pareti, colonne, architravi, ...)
Classe A2ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a tetti inclinati
Classe Bancoraggi provvisori portatili
Classe Cancoraggi che utilizzano linee flessibili orizzontali
Classe Dancoraggi che utilizzano rotaie rigide orizzontali
Classe Eancoraggi a corpo morto da utilizzare su superfici orizzontali


Resistenze che devono sopportare

Classe A1 (Ancoraggio da 0° a 90° dalla verticale)
- Prova statica: 10 kN per 3 minuti
- Prova dinamica: 100 kg in caduta libera per 2,5 mt.
Classe A2 (Ancoraggio da 20° dalla verticale)
- Prova statica: 10 kN per 3 minuti
- Prova dinamica: 100 kg in caduta libera per 2,5 mt.
Classe C (Linea orizzontale inclinata di massimo 15°)
- Prestazione dinamica: (deformazioni dichiarate) 100 kg in caduta che sviluppino almeno 6 kN
- Resistenza dinamica: 100 kg in caduta che sviluppino almeno 12 kN
- Resistenza statica: deve resistere per 3 minuti ad una forza pari a 1,5 volte il valore risultante dalla prestazione dinamica.


EN795/02: Norma contenente i requisiti, i metodi di prova, le istruzioni per l’uso e la marcatura di dispositivi di ancoraggio progettati esclusivamente per l’uso con dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto.

EN517/06: La norma specifica le dimensioni essenziali, i materiali da impiegare, i requisiti relativi alla capacità di sopportare i carichi e l’estensione delle prove dei ganci di sicurezza da tetto.

Norme DPI: EN 341 Discensori, EN 353 Dispositivi anticaduta guidati, EN 354 Cordini, EN 355 Assorbitori di energia, EN 358 Posizionamento, EN 360 Dispositivi anticaduta retrattili, EN 361 Imbracature, EN 362 Connettori, EN 363 Requisiti generali sistemi anticaduta, EN 365 Marcatura e istruzioni d’uso, EN 795 Dispositivi (solo Classe B).

D.Lgs n..81/2008 e n.106/2008 (in particolare art.111,115 e 116)

Regione Lombardia: D.G.S n. 119 del 14/01/2009
Regione Liguria: Legge regionale n. 5 del 15/02/2010
Regione Veneto: D.G.R. n. 2774 del 22/09/2009
Regione Trentino: Decreto del Presidente della Provincia 25 Febbraio 2008, n. 7 - 114/Leg
Linee guida Regione Veneto
Linee guida ISPESL